Carmine Parisi

Posted on Giu 4, 2016 | 0 comments


Carmine Parisi

Il suo ultimo grande successo è stato  a“Varca de Suonne”, canzone d’occasione per la bandiera della Barca 2015.

 

carmine-parisiSessantaquattro anni, maestro di tante generazioni, esempio positivo come uomo e professionista, per oltre quaranta anni ha deliziato il popolo nolano con il suo inconfutabile timbro. Il suo esordio sulle tavole di legno nel lontano 1973 con il giglio del beccaio e la paranza Castagnini. Un battesimo vincente che, complice anche la sua infinita disponibilità e un grande amore per Nola, lo ha portato a collaborare nel tempo con tutte le divisioni musicali e paranze (per ben sei volte con la San Massimo di Nicola Trinchese – 1992, 1993, 2000, 2002, 2008, 2010 – e cinque con la Talese – 1986, 1987, 1988, 1991, 1998 – Per ben 10 volte è stato il cantante ufficiale del giglio del Salumiere, probabilmente la corporazione che amava di più. La sua ultima esibizione nel 2010 con il calzolaio e la paranza san Massimo. Leggenda metropolitana vuole che a coniare il termine “bambini” per il sodalizio nato 40 anni fa sia stato proprio Carmine, fratello di Vincenzo, un altro monumento della musica nolana.

Carmine era un grande devoto di San Paolino. Uomo generoso, umile, ma anche tenace e testardo, sempre animato dall’inesauribile voglia di fare per il suo Santo e per la Festa, nel 2010, seppur a malincuore, lasciò il palcoscenico della Festa per motivi di salute. Due anni dopo, nel 2012, realizzò il suo sogno con la “Serenata alla Città” facendoci rivivere momenti di nostalgia e commozione con le vecchie melodie della kermesse nolana. Con la sua serenata riusciva ad aggregare centinaia di persone che lo seguivano in quella notte magica per tutto il centro storico. Al termine di ogni esibizione non mancava mai un bicchiere di vino, un dolcetto e qualche fetta di anguria. La serenata partiva da piazza Duomo e la prima tappa era al corso Tommaso Vitale per omaggiare il prof. Felice Natalizio con la sua “Serenata” scritta e musicata nel 1983 per la Barca e terminava, dopo ben 56 tappe ed altrettante esibizioni, nel punto di partenza – piazza Duomo – con “Miez ‘a chiazza” di Nino Cesarano. Carmine era orgoglioso della sua “Serenata alla Città” che considerava una figlia al punto da ripetere spesso “finché vivrò, ogni anno Nola avrà la sua serenata. Ho voluto dimostrare che con buona volontà e senza grosse pretese si possono organizzare non solo manifestazioni gradevoli per la comunità, ma anche mantenere viva la memoria storica della Festa”. Parole che oggi suonano come il suo testamento. Un’eredità impegnativa per la città che si inchina dinnanzi al suo buon cuore nell’ultimo grande applauso.

Il suo ultimo grande successo è stato  a“Varca de Suonne”, canzone d’occasione per la bandiera della Barca 2015. A scriverla in autunno fu il suo grande amico e storico poeta, Gigino Barone.

fonte: [email protected]

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.